Assign modules on offcanvas module position to make them visible in the sidebar.

Quello delle bitter è uno stile di birre ad alta fermentazione originario dell’inghilterra.

Ad essere precisi la definizione di “bitter” è nata nel XIIX secolo e veniva usata per indicare comunque birre della più generale famiglia delle “Pale Ale”.

Le Pale Ale ( ale chiare ) erano così chiamate perchè con l’introduzione dell’essicazione/affumicatura dei malti con il carbone il prodotto risultava meno scuro e quindi, più chiaro.

Come dice il nome, la caratteristica di questi prodotti era un amaro ( derivato dal luppolo ) più marcato rispetto agli sltri stili diffusi all’epoca ossia per la maggior parte porter e mild ale.

Ci sono riferimenti alle stesse birre come “pale ale” o “bitter” a seconda se in bottiglia o in cask, ma col tempo la definizione si è quasi uniformata.

Ad oggi forse rimane la differenza che Pale Ale è un termine più generico di birre “chiare” e bitter definisce più precisamente il carattere luppolato di certi prodotti, indipendentemente dal colore.

Della grande famiglia delle bitter fa parte anche un famoso stile, chiamato India Pale Ale, che prende il nome dalle birre prodotte in inghilterra per essere spedite nelle colonie ( principalmente l’India appunto ) e che per resistere a viaggio e condizioni di stoccaggio non favorevoli venivano create con un maggiore contenuto alcolico e fortemente luppolate.

Anche questo stile nel tempo si è modificato e le definizioni tendono a creare vincoli più teorici che pratici.

Oggi lo stile delle IPA è molto diffuso nel mondo delle birre artigianali americane, caratterizzare da forti luppolature, grado alcolico abbastanza elevato ed a volte speziate.

In inghilterra invece alcuni prodotti hanno addirittura abbandonato la particella “India” mescolandosi indistintamente con altre bitter e pale ale da banco “comuni”.