Assign modules on offcanvas module position to make them visible in the sidebar.

Le fave di cacao rappresentano la principale materia prima per la produzione di cioccolato.

Chiamate dai Maya e dagli Aztechi kakahuat, le fave di cacao sono i semi dell’albero di cacao il cui nome scientifico è Theobroma cacao L. ovvero "cibo degli Dei".

E’pianta originaria dell’America Centrale e cresce nelle regioni tropicali, a nord e a sud dell’equatore.

Oggi la Costa D’Avorio è diventata tra i primi produttori mondiali di cacao davanti a Ghana, Indonesia e da Brasile, Nigeria, Messico, Papuasia Ecuador, Repubblica Domenicana, Colombia.

Le fave sono contenute dentro i frutti  o baccelli chiamati cabosse, una sorta di cedro allungato di colore giallo verdognolo che diventa brunastro a maturazione, con buccia solcata da striature longitudinali . Le cabosse spuntano direttamente dal tronco dell'albero di cacao e sono raccolte  due volte l’anno. Ogni cabossa  contiene circa 20-40 fave di cacao. 

Dalla forma a mandorla e di colore bruno violaceo,  le fave venivano utilizzate come moneta di scambio e avevano un grande valore sia come genere alimentare sia come simbolo religioso e venivano offerte in dono per una nascita.

Dopo petrolio e caffè, rappresentano una delle materie prime più movimentale nel mondo. 

Furono i Toltechi e gli Incas i primi a fare uso della fava del cacao, anche se i Maya la coltivarono per primi.

Gli Aztechi promossero la fava di cacao a moneta e inventarono il “xocolatl”, una bevanda ottenuta pestando nel mortaio le fave di cacao, in seguito condite con pepe, peperoncino, cannella e altre spezie, frullate e bollite.

Le fave, separate dal frutto, vengono ammucchiate epoi lasciate fermentare. 

I semi contenuti nei frutti sono di tre specie:

Criollo, molto pregiata e dal sapore deciso, Forastero, dal gusto amarognolo e Trinitario, col suo aroma leggermente fruttato.