Assign modules on offcanvas module position to make them visible in the sidebar.

CURIOSITA:

Whisky o Wiskey?

Il whisky è una delle bevande alcoliche più diffuse al mondo, e si presenta in numerose varianti a seconda delle caratteristiche del processo produttivo, delle materie prime impiegate e della nazionalità del produttore.

Il nome deriva dal gaelico uisge beatha (“acqua di vita”, da cui deriva anche l'italiano “acquavite”), che ricorda le funzioni terapeutiche attribuite in passato ai distillati.

Il termine whisky designa solamente il distillato prodotto in Scozia, per quello prodotto altrove (in primo luogo in Irlanda) si utilizza whiskey.

Si tratta di un distillato ottenuto dal malto d'orzo, in alcuni casi combinato con il frumento o con altri cereali.

Dopo una prima fase di raccolta, trattamento (solitamente i cereali vengono prima lasciati immersi in acqua per farli germogliare e poi riscaldati) e fermentazione il mosto viene fatto bollire e i vapori raccolti e condensati vanno a costituire il distillatovero e proprio.

Il processo viene ripetuto solitamente dalle 2 alle 5 volte ed ha quindi inizio l'invecchiamento in botti nuove oppure precedentemente utilizzate per altri liquori.

Deve essere invecchiato per almeno tre anni in fusti di legno della capacità pari o inferiore a 700 litri e una volta imbottigliato, non invecchia più.

In commercio lo si trova generalmente invecchiato per 7 anni.

Deve inoltre contenere almeno il 40 per cento di alcol.

Le diverse varietà di whisky si distinguono a seconda della zona di produzione in:

Bourbon whiskey:
sviluppato in USA nel Kentucky, viene prodotto utilizzando principalmente il mais;

Canadian whiskey:
prodotto in Canada sin dal 1700 utilizzando mais ed orzo;

Irish whiskey:
prodotto in Irlanda dalla distillazione di cereali. È probabilmente il più antico whiskey del mondo;

Rye whiskey:
prodotto negli Stati Uniti con segale ed altri cereali;

Scotch whisky: 
Accordi internazionali riservano l'utilizzo del nome «Scotch whisky» esclusivamente ai distillati prodotti in Scozia.

Si tratta di whisky realizzati con orzo maltato oppure con orzo maltato mescolato a granturco;

Tennessee whiskey:
prodotto negli Stati Uniti con mais, orzo, avena e segale.

La sua produzione segue un rigido disciplinare (Lincoln County process) ed il Jack Daniel's è, la marca più famosa;

Blended Whisky:
prodotto mescolando diversi tipi di whisky.

Costituisce oltre il 90 per cento dei whisky in commercio e può essere prodotto miscelando fino a 15 prodotti diversi.

Al whisky può essere aggiunto del caramello, così che il suo colore diventi più intenso: questa procedura è però vietata in America.